Naturopatia

Principi fondamentali

La Naturopatia si basa su quattro principi filosofici fondamentali: casualismo, vitalismo, naturalismo ed olismo.

Secondo il Casualismo, ogni sintomo che si manifesta ha una causa: la Naturopatia agisce andando a comprendere la causa scatenante, cercando di risolverla per evitare che si ripresenti il sintomo o meglio ancora agendo in prevenzione prima che il sintomo si manifesti.

Secondo il Vitalismo ogni creatura vivente ha un’energia vitale che lo anima, la Vix medicatrix, che la induce a reagire agli eventi attraverso la reazione più favorevole al mantenimento dello stato di salute. La Naturopatia ha il compito di sostenere e accrescere questa forza di guarigione individuale.

Il Naturalismo è l’insieme delle filosofie che considerano come unico riferimento fondamentale la natura madre, maestra e guaritrice.

L’Olismo etimologicamente deriva dal greco “olos” cioè “tutto”, “intero”, “unità”, in cui le singole parti non sono distinguibili dal tutto. Questa filosofia emergente ha risvolti ampi e profondi perché ci fa capire l’importanza dell’unione, dell’integrazione e della considerazione che tutto nell’Universo è unito e connesso, per cui ogni parte del nostro corpo non può essere considerata separatamente dalle altre e non vi è separazione tra mente, corpo e spirito.

Obiettivi professionali

La Naturopatia ha tre funzioni importanti rispetto alla salute: di prevenzione, poiché porta equilibrio nelle situazioni di disarmonia, non eliminando il sintomo ma migliorando lo stato di salute della persona stessa e rinforzando la sua forza vitale; di educazione e responsabilizzazione, poiché insegna alle persone a conoscere e gestire il proprio equilibrio psicofisico indicando i comportamenti più idonei da seguire in termini di consigli alimentari e di gestione dello stile di vita, inducendo a diventare responsabili della propria salute; di promozione della salute individuale, sociale ed ambientale, poiché induce a prendere coscienza e quindi responsabilità non solo del proprio stato di salute ma anche dell’ambiente in cui si vive, del luogo di lavoro, della qualità delle relazioni che si instaurano, creando così una mentalità ecologica e sana che determina una società più rispettosa dell’ambiente e delle persone.

Queste tre funzioni ci dimostrano come la Naturopatia sia un mezzo fondamentale per raggiungere quello stato di salute che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito come: «uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non solo l’assenza di malattie e infermità; il raggiungimento del quale è un diritto umano fondamentale».

Salute quindi non è solo assenza di malattia, ma un concetto molto più ampio di benessere mentale, spirituale e fisico che oltre ad essere un diritto di ciascun uomo dovrebbe essere un dovere nei confronti di sé stessi e di chi ci sta vicino.

Mentre la medicina ufficiale si occupa di risolvere le malattie quando sono già manifeste ed è determinante quando ci sono situazioni d’emergenza grazie alla chirurgia e ai farmaci, la Naturopatia si prende cura soprattutto della salute e pertanto si pone in una posizione complementare ed integrata.

Formazione

Il percorso di studi in Naturopatia prevede un totale di 1600 ore, suddivise in ore di lezione frontali teorico-pratiche durante i week-end, lezioni on-line in webinar, tirocini esperienziali teorico-pratici, ore di studio a casa, prove di verifica e stesura dell’elaborato finale.

Attestato riconosciuto

Il Percorso formativo per diventare Naturopata intende formare una figura professionale certificata ai sensi del Dlgs n.4/2013, in conformità con la norma UNI 11491 e riconosciuta da Siaf Italia, che abbia le competenze necessarie per lavorare in Centri Benessere, SPA e Palestre, in collaborazione con Erboristerie e Parafarmacie oppure operare come libero professionista o ancora, aprire un proprio Centro Olistico.

TORNA SU Top